Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più leggi le avvertenze legali.

Accettare

Attualità

L’intensa opera della Lega polmonare abbassa i costi sanitari

Le persone affette da apnea del sonno assistite dalla Lega polmonare generano almeno il dieci per cento di costi sanitari in meno rispetto a quelle seguite da altri enti. Anche il tasso di abbandono della terapia da parte dei pazienti seguiti dalla Lega polmonare cala della metà. È quanto indica un’inchiesta indipendente della cassa malati Helsana.

Allo scopo di offrire le migliori prestazioni ai suoi 100'000 pazienti in tutta la Svizzera, la Lega polmonare conta su un personale perfettamente qualificato e su un’assistenza accurata e completa. Un’analisi dei dati di oltre 9'000 persone colpite da apnea del sonno, condotta dalla cassa malati Helsana, indica che questo impegno porta i suoi frutti, tanto dal punto di vista dell’efficienza che da quello della qualità.

 

900 franchi di spese mediche in meno

In media, i pazienti della Lega polmonare affetti da apnea del sonno generano annualmente il 10 per cento di costi sanitari in meno rispetto a quelli trattati da altri enti e pagano 900 franchi all’anno in meno in spese mediche. Helsana stima che questo risparmio sia dovuto al fatto che i pazienti della Lega polmonare consultano meno frequentemente il medico: le visite presso il medico generalista sono inferiori del 2 per cento in media, quelle dallo specialista perfino del 26 per cento.

I vantaggi dei pazienti della Lega polmonare si notano anche nella qualità dei trattamenti: la probabilità di un ricovero in ospedale è inferiore del 12 per cento rispetto ai pazienti seguiti da altri enti. Inoltre, solo il 20 per cento dei pazienti della Lega polmonare interrompe la terapia nel corso dei primi dodici mesi. Presso gli altri enti, il tasso di abbandono è quasi del doppio.

 

I risultati dell’inchiesta portano Helsana a concludere che la Lega polmonare assume una funzione chiave nei confronti dei pazienti affetti da apnea del sonno, simile a quella del medico di famiglia nei modelli managed care; l’efficienza e la qualità ne guadagnano. L’effetto positivo della profonda e densa opera di assistenza della Lega polmonare non si limita ai suoi pazienti: offre dei vantaggi anche alle casse malati e consente di sgravare il settore medico.

 

 

Per ulteriori domande favorite rivolgervi a:

Lega polmonare svizzera

Elena Strozzi, Responsabile Politica/Promozione della salute/Comunicazione

Tel. 079 555 33 79

e.strozzi@STOP-SPAM.lung.ch

 

 

Respirare significa vivere

In Svizzera, oltre 150'000 persone soffrono di brevi arresti respiratori notturni, la cosiddetta apnea del sonno. Le frequenti interruzioni del sonno profondo provocano stanchezza e sonnolenza durante il giorno. Con il tempo, l’apnea del sonno aumenta il rischio di disturbi cardiocircolatori. La terapia più efficace contro questa malattia è la CPAP (continuous positive airway pressure). Durante la notte, l’apparecchio CPAP immette un flusso d’aria in una mascherina nasale che mantiene libere le vie respiratorie e impedisce gli arresti. Gli specialisti della Lega polmonare consigliano i pazienti nella scelta dell’apparecchio e della mascherina, insegnano a integrare la terapia nella vita quotidiana e prestano assistenza e consulenza durante l’intero svolgimento della terapia.