Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più leggi le avvertenze legali.

Accettare
Pagina di arrivo www.legapolmonare.ch

Asma grave

In Svizzera, circa il 2–8% della popolazione soffre d’asma. Solo alcune tra queste persone però è affetta da asma grave. Soffrite di una grave forma d’asma se così vi è stato comunicato dal medico e al momento seguite una terapia immunodepressiva o avete bisogno di assumere corticosteroidi o immunosoppressori in compresse o tramite iniezione.

 

Raccomandazione:

Per la maggior parte dei pazienti affetti da asma (il 95%) valgono le raccomandazioni generali emanate dall’UFSP. Non sono quindi da considerarsi particolarmente a rischio. Al contrario, chi soffre di una grave forma d’asma deve proteggersi dal contagio con estrema attenzione e attenersi alle misure per le persone particolarmente a rischio. In caso di aggravamento dei sintomi, è bene contattare un medico telefonicamente.

BPCO

In Svizzera, più del 5% della popolazione adulta è affetta da BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva). Ciò equivale a circa 400 000 persone. La BPCO è una malattia cronica non infettiva dal decorso lungo da cui non si può guarire.

 

Raccomandazione:

Tutti i pazienti affetti da BPCO rientrano nel gruppo di persone particolarmente a rischio. Per questo devono proteggersi con grande attenzione e seguire le misure pensate per chi è particolarmente a rischio. In caso di aggravamento dei sintomi, è bene contattare un medico telefonicamente.

 

Apnea da sonno

In Svizzera, le persone colpite dall’apnea da sonno sono circa 150 000. Questa malattia causa brevi interruzioni della respirazione durante il sonno che ostacolano il riposo notturno.

 

Raccomandazione:

Secondo l’attuale parere degli esperti, l’apnea da sonno non è un fattore di rischio che compromette il decorso di un’influenza da COVID-19.  Rispettate le consuete raccomandazioni dell’UFSP. Se oltre all’apnea da sonno soffrite di altre malattie, consultate la lista dell’UFSP (allegato 6) oppure chiedete al vostro medico se anche voi fate parte della categoria di persone particolarmente a rischio.

 

Pazienti con ventilazione meccanica a domicilio

La ventilazione meccanica a domicilio è una terapia utile ai pazienti che hanno difficoltà a respirare: la ventilazione meccanica può avvenire in ambulatorio o essere costante. Sono molte le malattie che possono compromettere i polmoni nelle loro normali funzioni.

 

Raccomandazione:

Tutti i pazienti sottoposti a ventilazione meccanica a domicilio rientrano nel gruppo di persone particolarmente a rischio. Per questo devono proteggersi con grande attenzione e seguire le misure pensate per chi è particolarmente a rischio. In caso di aggravamento dei sintomi, è bene contattare un medico telefonicamente.

Tubercolosi
 

La tubercolosi è una malattia infettiva originata da specifici batteri. La forma più comune di tubercolosi colpisce i polmoni (circa 70% dei casi). Le altre forme non sono contagiose. Infezione latente da tubercolosi significa che una persona in passato è entrata in contatto con i batteri della tubercolosi. Nonostante ciò, la persona interessata non è né malata né contagiosa.

 

Raccomandazione:

Coloro che in passato sono stati trattati per una tubercolosi o un’infezione latente da tubercolosi o sono attualmente in cura non fanno parte del gruppo di persone particolarmente a rischio. Per questo devono attenersi alle raccomandazioni generali dell’UFSP.

Consumo di tabacco
 

In generale, chi fuma è più esposto alle infezioni delle vie respiratorie (come il coronavirus). Attualmente non è possibile sapere se questa malattia abbia un decorso più grave per i fumatori. Tuttavia, vi è il timore che il fumo aumenti l’intensità della malattia e abbia effetti negativi sul processo di guarigione.