Diese Website verwendet Cookies. Erfahren Sie mehr in der Datenschutzerklärung.

Accettare

“Rete Covid-19” un nuovo progetto della Lega Polmonare Ticinese

La pandemia di Coronavirus Covid-19 e la situazione di emergenza in cui tutti noi ci troviamo confrontati, ha gettato in poco tempo il sistema sanitario in uno stato di forte stress.

A partire dal 6.4.2020 la Lega Polmonare Ticinese ha messo a disposizione le proprie competenze per monitorare lo stato di salute respiratorio nei pazienti recentemente dimessi dagli ospedali e dalle cliniche con diagnosi di positività al virus Covid-19. Si stratta di un controllo telefonico (e/o videochiamata) giornaliero per monitorare i principali sintomi cardiorespiratori nei pazienti con e senza ossigeno terapia domiciliare, annunciati  al momento della dimissione ospedaliera. 

L’obiettivo del progetto Rete Covid-19 è quello di offrire una presa a carico in grado di rilevare precocemente gli eventuali sintomi di recidiva e aiutare il medico curante, gli operatori sanitari e i famigliari curante nel loro lavoro quotidiano e garantire una convalescenza e una guarigione ottimale.

Lo scopo di questo follow up si può riassumere nei seguenti quattro punti chiave:

  • Controllare l’evenienza di una complicanza infettiva cardiovascolare o altro
  • Escludere l’evoluzione verso un deficit funzionale permanente
  • Accompagnare la ripresa di una vita quotidiana normale secondo le disposizioni delle autorità
  • Garantire una presa a carico psico-sociale post ospedaliera attivando, se necessario, gli aiuti necessari Spitex, servizio volontari spese a domicilio, programmi alimentari e pasti a domicilio, telesoccorso, mezzi ausiliari eccetera).

Grazie al monitoraggio quotidiano, gli infermieri della Lega Polmonare Ticinese saranno in grado di informare tempestivamente il medico di famiglia (e/o lo specialista), il personale sanitario se attivato (fisioterapista, infermiere spitex ecc),  e cosa importante tranquillizzare e sostenere il paziente e i suoi famigliari.

Il servizio sociale della Lega polmonare ticinese è parte integrante del progetto e sarà attivato se la situazione lo richiede.

Multidisciplinarità

Questa presa a carico necessita di una stretta collaborazione con i servizi di rete e con differenti figure professionali. In accordo con il medico fisioterapisti specializzati in riabilitazione polmonare, servizi Spitex, volontari ed altri, possono e devono essere attivati dall’infermiere di contatto.

Con l’associazione PhysioTicino abbiamo lanciato un comunicato per ricercare fisioterapisti con esperienza in riabilitazione polmonare desiderosi di partecipare a questo progetto e che possono essere attivati a domicilio. Per informazione: info@lpti.ch

COVID-19 e Tabacco

Coronavirus e malattie respiratorie
Sotto questo titolo, la Lega polmonare svizzera si riferisce anche sul legame tra COVID-19 e il tabacco e fa riferimento al corrispondente documento di posizione dell'UFSP con le domande più comuni.

 

Coronavirus e campagna antifumo
Il Fondo per la Prevenzione del Tabagismo ha contattato le organizzazioni nazionali per la prevenzione del tabagismo e ha chiesto loro di lanciare una campagna sul collegamento tra COVID-19 e il fumo a breve termine. La Lega polmonare svizzera è attivamente coinvolta. Entro metà aprile sarà prodotta una guida contenente consigli sul fumo passivo, la riduzione e la cessazione del fumo, ed entro la fine di aprile sarà prodotto un video con i consigli in una dozzina di lingue. Le informazioni specifiche di COVID-19 saranno pubblicate qui e sulla piattaforma "Stop Smoking" www.stopsmoking.ch.

 

Consigli per smettere di fumare - anche al telefono
La Lega Polmonare Ticinese ha appena inviato un comunicato stampa con consigli su come smettere di fumare e ridurre i consumi. Offriamo anche consigli su come smettere di fumare usando il telefono.

 

Legge sui prodotti del tabacco e campagna politica
A causa del blocco, la legge sui prodotti del tabacco non può essere discussa come previsto dalla Commissione per la sicurezza sociale e la salute del Consiglio nazionale il 14 o 15 maggio 2020. E' ancora da decidere quando la legge sarà di nuovo all'ordine del giorno. Questo ritarderà anche la campagna politica prevista.