Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più leggi le avvertenze legali.

Accettare

Splendidi musei e un vivace centro storico

Neuchâtel è una città con grandi attrazioni dal punto di vista storico e culturale, oltre ad offrire viste spettacolari sul lago e sul paesaggio circostante.

 

Chi sta progettando un viaggio a Neuchâtel ha l’imbarazzo della scelta: sono numerosissimi i musei di grande valore e interesse. Oltre ai musei di belle arti, di storia naturale e al museo etnografico vale anche la pena visitare il Laténium, il più grande museo archeologico della Svizzera, e il Centre Dürrenmatt.

 

Naturalmente non si può fare a meno di vedere il castello e la chiesa collegiata. Da maggio a settembre li si può raggiungere comodamente con il trenino turistico. Di grande interesse è anche la riva del lago, in particolare il porto con il passaggio dei traghetti. Chi desidera ammirare la città, il lago e il paesaggio dall’alto, con l’autobus n. 107 (fermata: Le Coudre) e la funicolare può raggiungere in poco tempo la vetta del monte Chaumont a 1171 metri, dove lo attendono una torre panoramica, un’area di ristoro e un ristorante con vista panoramica. Per saperne di più: www.neuchatelville.ch & www.j3l.ch

 

Tre rocche costellate di incan­tevoli piazze

Atmosfera medievale e fascino italiano: Bellinzona mozzafiato.

 

Castelgrande, Castello Montebello e Castello Sasso Corbaro: questi tre rocche sono sorte nel Medioevo per proteggere dai nemici Bellinzona, importante roccaforte strategica. Queste cittadelle fortificate oggi fanno parte del patrimonio culturale dell’UNESCO. Con il trenino Artù, che inizia il suo percorso nel centro storico, i turisti possono visitare Montebello e Sasso Corbaro senza fare troppa fatica.

 

Vale la pena visitare anche l’ottocentesca Villa dei Cedri, il suo vastissimo parco e la tenuta vinicola che ospita vari vitigni tra cui il Merlot. Infine, nel museo situato nella residenza padronale, si possono ammirare dipinti svizzeri e italiani del periodo a cavallo tra il XIX e il XX secolo, nonché opere di arte contemporanea. Il centro storico è contraddistinto da un fascino italiano tra scorci, piazze, ville nobiliari riccamente decorate e magnifiche chiese. Al sabato, infine, in Piazza Nosetto si tiene un grande mercato settimanale.

Per maggiori informazioni: www.bellinzonese-altoticino.ch

Una minivacanza al lago di Zugo

Foto: ©Zug Tourismus
Foto: ©Zug Tourismus

La città di Zugo è famosa per i me­ravi­gliosi tra­monti e la delizio­sa tor­ta al kirsch.

 

Stando a quanto dicono i suoi abi­tanti, il tramonto a Zugo è il più bel­lo del mondo. Il modo migliore per ammirarlo è durante una gita in bat­tello sul lago di Zugo o passeggian­do in riva al lago. Ma Zugo offre in­teressanti attrattive anche di gior­no. Camminando nel centro storico ci si imbatte nella «Zytturm»: eret­tanel XIII secolo, con i suoi 52 me­tri di altezza la torre dell’orologio è il simbolo della città. Il centro storico è anche il posto giusto dove conceder­si una fetta di torta alle ciliegie tipica del posto. Chi ne vuole sapere di più, può scoprire come si prepara il dolce tradizionale partecipando a una visi­ta guidata.

 

Una splendida vista sulla città, sul lago e sui monti si gode dallo Zuger­berg, il monte locale, raggiungibi­le in circa trenta minuti con il treno e la funicolare. Infine, gli appassiona­tidi storia non possono farsi sfuggi­re una visita al centro informazioni di Morgarten a Sattel (SZ), che spie­ga cosa accadde veramente durante l’omonima battaglia.

Mehr Infos unter: www.zug-​tourismus.ch

Al lago per rigenerarsi e stare bene

Foto: ©Schlierner-stock.adobe.com
Foto: ©Schlierner-stock.adobe.com

La cittadina di Yverdon-les-Bains è una delle località termali più famose della Romandia.

 

Il centro termale, con le sue sorgenti ricche di zolfo e magnesio, assicura un soggiorno di relax e tranquillità. L’acqua termale è un toccasana per disturbi delle articolazioni, delle vie respiratorie e dello stomaco e ha un effetto benefico sui muscoli. La temperatura nelle vasche termali interne ed esterne è di 34 °C. Nelle vasche esterne in estate la temperatura è di 28 °C e d’inverno 32 °C. Il benessere e il divertimento sono assicurati da cascatelle, piscine idromassaggio, getti massaggio e lettini per il relax.

 

Il castello nel nucleo storico di Yverdon-les-Bains ospita tre musei. Uno è incentrato sulla storia della regione. Il Museo Svizzero della Moda conserva una collezione di più di 3000 rari e pregiati capi d’abbiglia­-mento disegnati dallo stilista Robert Piguet, originario di Yverdon-les-Bains. Il Centro di documentazione e ricerca Pestalozzi, invece, è dedicato al pedagogo Johann Heinrich Pesta­lozzi. La Maison d’Ailleurs (casa dell’altrove), infine, è il primo museo d’Europa della fantascienza.

 

Nella regione di Yverdon-les-Bains si possono ammirare:

  • le grotte di Vallorbe
  • il castello di Grandson
  • il patrimonio culturale dei carillon a Sainte-Croix
  • la Grande Cariçaie, area naturale protetta

Per ulteriori informazioni: www.yverdonlesbainsregion.ch/fr

La natura in un centro storico senz’auto

Foto: ©Chur Tourismus/Yvonne Bollhalder
Foto: ©Chur Tourismus/Yvonne Bollhalder

Coira è la città più antica della Svizzera. La capitale dei Grigioni non attira però solo gli appassionati di storia, bensì anche gli amanti della natura.

 

Il territorio dell’odierna città di Coira è stato occupato fin dal neolitico (circa 3000 a. C.) e attraverso l’epoca romana. Perciò Coira si considera la città più antica della Svizzera.

Questa lunga storia ha lasciato le sue tracce. Nel quartiere di Welschdörfli si trovano le vestigia di un insediamento romano. Vale anche la pena di passeggiare per le tortuose viuzze del centro storico, quasi interamente pedonale, non lontano dalla stazione.

Chi non vuole scoprire da sé le bellezze quali il castello episcopale o la cattedrale, di 800 anni, può prenotare una visita guidata o scaricare una audio guida. Anche gli amici della natura trovano bellezze da ammirare: la funivia che parte dal Welschdörfli, nel bel mezzo della città, sale al monte Brambrüesch.

L’escursione all’Alp Raguta richiede un po’ più di tempo: si va a Rhä­züns con la Ferrovia Retica, da là si prende la funivia per Feldis e dopo circa un chilometro di marcia si raggiunge l’Alp Raguta con la seggiovia. Si è ricompensati dall’aria pura, a 1900 metri d’altitudine, e da un magnifico colpo d’occhio sull’intera valle del Reno.

Più informazioni su: www.churtourismus.ch

Un’escursione a Losanna

Una delle prime stazioni di rifornimento di ossigeno liquido è stata realizzata a Losanna. Che vi serva l’ossigeno o meno, vale la pena di visitare questa città.

 

Se per respirare avete bisogno di ossigeno e ogni sforzo pare insuperabile, Losanna con le sue note pendenze potrebbe scoraggiare. Tuttavia, questa città ha numerose attrazioni, anche per i nostri pazienti che necessitano di ossigeno. Innanzitutto c’è la metropolitana che porta gli ospiti dalle parti più basse a quelle più alte della città, rapidamente e senza sforzi.

 

Inoltre Lausanne Tourismus organizza visite guidate adatte al ritmo di ogni singola persona, anche di coloro che presentano una mobilità limitata. Le rive del fiume offrono una veduta spettacolare sulle Alpi e garantiscono la possibilità di passeggiare su un terreno pianeggiante. Qui si trova anche il rinomato Museo olimpico che racconta i giochi olimpici e lo spirito olimpico grazie a 1500 oggetti del mondo delle Olimpiadi. Il bar del museo il fine settimana propone addirittura un brunch.

 

Un altro museo di fama internazionale si trova nelle immediate vicinanze: il Museo Elysée, dedicato alla fotografia, che ha di recente celebrato il suo 30° anniversario. Il centro storico e la cattedrale realizzata a partire dal 1170 rappresentano un altro must di una visita della città. E infine a giugno 2017 nella parte settentrionale della città sarà inaugurato il più grande acquario d’acqua dolce d’Europa.