Questo sito utilizza cookies. Per saperne di più leggi le avvertenze legali.

Accettare

Attualità

Sponsorizzazioni da aziende del tabacco – No grazie

L’accordo tra il DFAE e un colosso del tabacco per l’Expo 2020 ha sconcertato la Svizzera. Insieme ad altri partner, la Lega polmonare svizzera preme affinché l’accordo che vede Philip Morris International come partner principale della Svizzera in occasione dell’Expo venga annullato.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) intende finanziare il padiglione svizzero all’Esposizione universale di Dubai con il sostegno della multinazionale del tabacco Philip Morris. All’Expo 2020 la Svizzera sarà quindi ambasciatrice di un prodotto che ogni anno provoca la morte di 8 milioni di persone in tutto il mondo.
In una nota congiunta, la Lega polmonare svizzera, l’Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo e Dipendenze Svizzera esortano il consigliere federale Ignazio Cassis a ritirare l’accordo con Philip Morris International.

 

La pubblicità per il tabacco non conosce età
Ogni anno in Svizzera le conseguenze del consumo del tabacco provocano la morte di 9500 persone. Attualmente, in Parlamento è in corso il dibattito sulla nuova versione della legge sui prodotti del tabacco (LPTab), in cui per altro manca una rigida limitazione della pubblicità.
Oltre la metà dei fumatori inizia a consumare tabacco da giovane. Per tutelare in particolare i più giovani non basta un semplice divieto di vendita dei prodotti del tabacco e delle sigarette elettroniche.
Per questo, la Lega polmonare svizzera richiede che nella LPTab sia prevista un’efficace tutela dei giovani:

  • Divieto rigoroso di pubblicizzazione, promozione e sponsorizzazione
  • Regole uguali in materia di vendita, pubblicizzazione e protezione dal fumo passivo sia per le sigarette elettroniche e i prodotti alternativi del tabacco che per quelli tradizionali
  • Divieto nazionale di vendere e dispensare prodotti del tabacco e sigarette elettroniche a minorenni

 

Per ulteriori informazioni sulla politica del tabacco

 

Cifre e fatti sulla Lega polmonare
La Lega polmonare è un’organizzazione sanitaria senza scopo di lucro con più di 700 collaboratori e da più di 115 anni si impegna per i pazienti affetti da malattie polmonari e delle vie respiratorie.
In 70 sedi in tutta la Svizzera e a domicilio, fornisce consulenza e assistenza a più di 100 000 pazienti affinché possano vivere quanto più possibile senza disturbi e in autonomia. La Lega polmonare si impegna inoltre negli ambiti della promozione della salute e della prevenzione, nonché della formazione di professionisti e della promozione della ricerca. La Lega polmonare svizzera è un’organizzazione sanitaria che ha ottenuto il marchio di qualità ZEWO, nonché l’NPO Label per l’eccellenza gestionale.

 

In caso di domande rivolgersi a:
Lega polmonare svizzera
Andrea Adam, Portavoce
Tel. 031 378 20 53
a.adam@STOP-SPAM.lung.ch