Attualità

La salute ha la precedenza sugli affari del tabacco

Nella procedura di consultazione per la legge sui prodotti del tabacco le organizzazioni che si occupano della tutela della salute si battono affinché si rinunci del tutto alle sponsorizzazioni di produttori del tabacco. La salute di persone giovani ha un valore molto più elevato degli interessi delle multinazionali del tabacco, dichiarano la Lega svizzera contro il cancro, la Lega polmonare svizzera, la Fondazione svizzera di cardiologia, Dipendenze Svizzera e l’Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo.

Le multinazionali del tabacco sponsorizzano festival musicali che richiamano soprattutto giovani, favorendo gli affari con i prodotti da fumo, come dimostra la recente stagione Open-Air 2014. Negli stand di vendita e nelle tende entra a tutta forza la promozione dei tabacchi con concorsi, pacchetti di sigarette a prezzi agevolati, gadget e sigarette gratuite. In questo modo le multinazionali del tabacco conquistano nuovi clienti fra il pubblico giovane.

 

La maggioranza di fumatrici e fumatori comincia a fumare prima di compiere 20 anni. Infatti già poche sigarette gratuite possono diventare fatali. La nicotina ha una potenza simile a quella dell’eroina e della cocaina nel creare dipendenza. Se i ragazzi rimangono impigliati nel consumo della sigaretta, le conseguenze sulla loro salute sono fatali. Un quarto degli adulti che fuma muore prima di aver compiuto 65 anni a causa di malattie causate dal tabacco. Complessivamente in Svizzera ogni anno perdono la vita più di 9∙000 persone in conseguenza del consumo di tabacco.

 

Regole speciali per i prodotti del tabacco

I tabacchi si differenziano da tutti gli altri beni di consumo legali a causa degli alti rischi che essi comportano per la salute. La protezione della salute è un valore più alto degli interessi economici dell’industria del tabacco. Pertanto debbono valere altre regole per i prodotti del tabacco, scrivono le cinque organizzazioni che si occupano della tutela della salute. Nella loro presa di posizione sulla legge sui prodotti del tabacco le organizzazioni che si occupano della tutela della salute richiedono che vengano vietate tutte le attività pubblicitarie per prodotti del tabacco. Queste sono soprattutto sponsorizzazioni di eventi da parte di multinazionali del tabacco, pubblicità dei tabacchi nei media stampati, in internet e nei social media, su manifesti, al cinema e nei punti vendita così come sconti sui tabacchi. L’efficacia della pubblicità dei tabacchi soprattutto sui giovani è oggi fuori discussione.

 

In Svizzera, ad esclusione di radio e televisione, le limitazioni della pubblicità dei tabacchi sono solo parziali. Ad esempio i media stampati che si rivolgono soprattutto ai minorenni non possono contenere inserzioni per prodotti del tabacco. Ma divieti parziali lasciano sempre la possibilità di eludere le norme. Le multinazionali del tabacco trasferiscono semplicemente le loro attività di marketing in altri ambiti, ad esempio nella promozione diretta con hostess nei locali notturni e con la sponsorizzazione. Industrie del tabacco arrivano addirittura ad organizzare o sponsorizzare eventi privati.

 

Il consumo di tabacchi è uno dei quattro principali fattori di rischio per malattie non contagiose, assieme ad abuso di alcol, alimentazione squilibrata e insufficiente movimento. Nel 2011 in Svizzera le spese mediche dirette per tutte le malattie non contagiose ammontavano a 65 miliardi di franchi, il che equivale all’80 percento della complessiva spesa sanitaria.

 

La Lega svizzera contro il cancro, la Lega polmonare svizzera, la Fondazione svizzera di cardiologia e Dipendenze Svizzera si sono unite con altre organizzazioni nell’Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo. Si impegnano per misure efficaci per la prevenzione del tabagismo.

 

Se avete domande, favorite rivolgervi alla:
Lega polmonare svizzera
Barbara Weber, Portavoce
Tel. 031 378 20 72
b.weber@STOP-SPAM.lung.ch

 

Ulteriori informazioni: www.legapolmonare.ch/it/LPTab

Chi respira vive
La Lega polmonare consiglia e assiste persone affette da malattie polmonari e insufficienza respiratoria affinché possano vivere quanto più possibile senza disturbi, in modo autonomo e con una migliore qualità di vita.
Grazie alla sua rete di contatti specialistici, tutela le esigenze dei suoi pazienti e promuove il loro auto-aiuto. Con misure di prevenzione e il suo impegno per un’aria pulita, la Lega polmonare si impegna affinché sempre meno persone vengano colpite da malattie polmonari e delle vie respiratorie.